Spesso ho immaginato questo editoriale, perché, bisogna essere realisti, tutto ha un inizio e una fine: la carta stampata, di questi tempi, sempre di più…

Terminare con questo numero la meravigliosa avventura di PassaParola Magazine non vuole dire però parlare di fine. Chi ci segue e ci apprezza da tanto tempo sa che intorno al “pianeta PP Mag” io e Paola abbiamo sviluppato tanti “satelliti”: il sito, l’associazione, la trasmissione radiofonica, i libri, i servizi, i viaggi in Italia, gli eventi, l’assistenza alla nuova mobilità e, ultimissima tappa di successo, il film. Sempre di più la comunicazione viaggia nel web, percorrendo sentieri sempre meno di carta e sempre più virtuali. Noi di PassaParola asbl abbiamo sempre voluto stare al passo con i tempi, e proprio grazie alla nostra professione cavalcare l’onda, captare le tendenze e andare incontro al nostro pubblico. Questo passaggio ne è l’ennesima prova. Non ci sarà una rivista cartacea ogni mese in edicola e presso gli abbonati, ma ci saremo sempre, sempre di più e in maniera più odierna e costante, grazie proprio al vantaggio del web e di tutto quello che continueremo a fare attraverso le nostre attività e col supporto della nostra immensa rete. Ci saremo sempre per informarvi, per sostenere la cultura e la lingua italiana, per portarvi in posti meravigliosi del Belpaese, per realizzare libri, per partecipare alle tante iniziative a sostegno della comunità italiana e italofila. Il sito avrà sempre articoli inediti in italiano e in francese, un’agenda ricca e aggiornata. La trasmissione radiofonica VoicesbyPassaParola continuerà a farvi compagnia ogni sabato mattina alle 10 sulle frequenze di Radio Ara. Continueremo a promuovere e proiettare il film L’arrivée de la Jeunesse e a distribuire i nostri libri, sperando di pubblicarne presto altri. La pausa natalizia sarà per noi un momento strategico proprio per ripartire nel 2023 con tanti progetti e nuove sorprese. Approfitto di questo editoriale di commiato sulla rivista per ringraziare infinitamente tutti/e voi: collaboratori e collaboratrici, volontari/rie, abbonati/e, sponsor, istituzioni. Un grazie particolare a Eleonora Costa, artefice di un restyling puntuale del giornale e di una eccellente impaginazione, compagna di lavoro insostituibile e soprattutto grande amica. Ringrazio Ornella Piccirillo, responsabile delle pagine francesi, che ci ha permesso di varcare la frontiera e conquistare un ampio pubblico in Lorena e Alsazia. E ancora: Stella Emolo, giunta in squadra solo 4 anni fa e che ci ha messo a disposizione le sue competenze e il suo aiuto generoso bruciando tantissime tappe e permettendoci di collaborare a progetti in sinergia con le istituzioni locali.

L’ultima parte di questo mio scritto è dedicata a Paola Cairo, senza la quale questa rivista non sarebbe mai nata e, con essa, nemmeno tutto il resto. Nulla sarebbe successo se non l’avessi incontrata nel mio cammino di vita e lavoro e se non fossimo diventate amiche. Perché di questo sono sicura: una rivista come PassaParola Magazine, realizzata con pochissimi mezzi e tante difficoltà, non avrebbe mai potuto evolversi a tal punto e raggiungere il traguardo di 18 anni senza una infinita passione. Che sento di condividere per il nostro mestiere di giornaliste. Ma soprattutto senza il grande affetto e rispetto che ci legano. Grazie Paola, grazie a tutti/e.

Maria Grazia Galati

Potrebbe interessarti anche questo

Editoriale dicembre-gennaio: Noi ci siamo!

  Dopo un anno faticoso, lungo e a tratti pessimista, ci auguriamo un Natale all’insegna della semplicità dei piccoli gesti, della salute e dell’allegria. Un Natale che ci faccia riscoprire la volontà di costruire, la gioia di un sorriso, l’importanza…

Editoriale marzo: un mese impegnativo per tutti

      Il mese della primavera, del Festival des Migrations e di tante iniziative musicali a cura della nostra associazione. Un mese importante per tantissime associazioni del Granducato e della Grande Regione che si incontrano nell’agorà più bella dell’anno,…

Uscire dall’ombra

    Viviamo il presente senza rinnegare il nostro passato. Raccontiamo chi siamo oggi senza dimenticare chi eravamo  ieri. L’informazione deve servire a formare e formarsi idee e opinioni e noi di PassaParola cerchiamo di farlo con rispetto e umiltà.…

Promessa mantenuta!

Abbiamo mantenuto la promessa fatta lo scorso mese e  che vi sveliamo in copertina. Dopo un lungo e minuzioso lavoro di ricerca, traduzione, adattamento, scrittura, impegno di squadra, ricerca di fondi e collaborazioni, partnership, foto, idee di copertina, pubbliche relazioni,  controllo…