Aide d'urgence Covid Inde
Aide d’urgence Covid Inde

La pandemia di Covid 19 sta duramente colpendo l’India. Il numero di contagi e di morti aumentano in modo esponenziale ogni giorno. Facciamo il punto della situazione con Françoise Binsfeld, presidente de l’AEIN (Aide à l’Enfance de l’Inde et du Népal) attiva da anni in Lussemburgo. L’associazione ha iniziato una raccolta di donazioni e ha lanciato varie iniziative per non lasciare l’India e il Nepal da soli in questo momento buio della loro storia.

Visite de projet par Françoise au Népal
Visite de projet par Françoise au Népal

Françoise Binsfeld, lussemburghese, vive nel comune di Dudelange. Dopo aver studiato Management internazionale presso HEC Liège, ha lavorato per dieci anni in banche giapponesi in Lussemburgo prima di essere coinvolta professionalmente nel settore della cooperazione allo sviluppo. È appassionata di viaggi, letteratura, calligrafia giapponese e di thè.

Da quanto tempo sei direttrice dell’associazione AEIN e quali sono i suoi obiettivi?

Sono stata direttrice di Aide à l’Enfance de l’Inde et du Népal (AEIN) da settembre 2016. Ma il mio coinvolgimento con AEIN è iniziato fin dal 2006 come volontaria nel gruppo dei progetti e nel Consiglio di amministrazione.

AEIN è un a.s.b.l. con sede in Lussemburgo, gestita da tre dipendenti e una quindicina di volontari attivi in ​​diversi gruppi di lavoro (progetti, sensibilizzazione, comunicazione, finanza e strategia oltre che nel CdA) che sostiene progetti di sviluppo in India da oltre 54 anni e in Nepal dal 1997.

I suoi obiettivi sono rafforzare i gruppi sociali più vulnerabili – bambini, giovani e donne – nelle comunità rurali in India e Nepal e impegnarsi in relazioni più eque tra i Paesi del nord e quelli del sud.

Attualmente finanziamo 18 progetti incentrati su istruzione, salute, ecologia, reddito e diritti, con un budget annuale di 1,4 milioni di euro. Dalla sua creazione, AEIN ha completato più di 670 progetti. L’associazione agisce principalmente come organizzazione di sostegno non governativa, raccogliendo fondi pubblici e privati ​​per finanziare progetti ideati e realizzati in India e Nepal da partner locali.

I suoi progetti sono cofinanziati tra il 60% e il 90% dal Ministero lussemburghese degli Affari esteri ed europei (MAEE) e dal Fondo per il clima e l’energia del Ministero dell’ambiente, del clima e dello sviluppo sostenibile (MECDD). Inoltre, svolgaimo anche varie attività di sensibilizzazione ed educazione allo sviluppo in Lussemburgo.

Attualmente, la pandemia di Covid-19 ha colpito duramente l’India, ma anche il Nepal. Ci racconti meglio la situazione? Quali sono le iniziative di solidarietà che la vostra associazione ha realizzato per aiutare queste popolazioni?

L’India è attualmente sopraffatta da una seconda ondata di contaminazione da Covid-19 che mette il sistema sanitario sull’orlo del collasso. Ogni giorno vengono registrati quasi 400.000 nuovi casi, portando il bilancio totale delle vittime a oltre 260.000. Un record drammatico che molti esperti ritengono, tuttavia, ampiamente sottovalutato.

Anche il Nepal, che condivide un confine aperto di oltre 1.800 km con l’India, è duramente colpito dalla seconda ondata di Covid-19. Il sistema sanitario nepalese, già molto indebolito prima della crisi, si sta sgretolando per il numero dei pazienti e la mancanza di letti ospedalieri, ossigeno, medicinali e tutto il necessario per curare i malati. Il piccolo stato himalayano ha visto più di 8.000 nuove contaminazioni in un giorno, con un tasso di positività in alcune regioni superiore al 90%.

Centre de vaccination au Népal
Centre de vaccination au Népal

Ciò di cui le persone hanno più bisogno sono cibo e forniture mediche di base, comprese bombole di ossigeno, ossimetri, termometri e maschere protettive. “Kit medici” che funzionano come kit di pronto soccorso. I nostri partner locali stanno anche istruendo le persone emarginate sull’immunizzazione, l’allontanamento sociale e le misure di igiene nei villaggi anche attraverso trasmissioni radiofoniche in lingua locale. A pochi giorni dai primi nuovi rientri dal campo, AEIN ha deciso di impegnare fino a 25.000 € per far fronte alle esigenze più urgenti. Abbiamo anche lanciato un appello per donazioni all’inizio di maggio per aiutare le persone ancora più vulnerabili in India e Nepal. Maggiori informazioni sulla nostra richiesta di donazioni su https://www.aein.lu/appel-aux-dons-covid/

 

Enfants dans une crèches en Inde, Jharkhand

Quali sono i vostri progetti futuri?

Attualmente stiamo lavorando con 11 partner in 5 Stati in India e 16 distretti in Nepal. La maggior parte dei nostri progetti sono progetti integrati che mirano a migliorare l’accesso a servizi sociali di base, convenienti e di qualità: istruzione, salute, igiene e servizi igienico-sanitari pubblici e per rafforzare i mezzi di sussistenza, la sicurezza alimentare e le opportunità di reddito per le comunità emarginate.

Nel distretto di Surkhet in Nepal, ad esempio, stiamo attualmente finanziando la seconda fase di un progetto che fornirà acqua potabile a 553 famiglie per una popolazione di 2.750 entro la fine del 2021. La torre dell’acqua con una capacità di 100 m3 è in costruzione.

In India, nello Stato del Jharkhand, i nostri due partner locali hanno notato molti casi di malnutrizione acuta tra i bambini di età compresa tra 0 e 5 anni. L’obiettivo, attraverso varie iniziative, è aumentare il numero e la qualità dei pasti per 2000 bambini piccoli e monitorare il loro stato di salute.

 Amelia Conte

 

 

 

 

 

 

 

Potrebbe interessarti anche questo

Pink Gents: tra i militanti della comunità LGBT

Mentre in Italia si sta discutendo in Senato il DDL ZAN, abbiamo…

Con l’estate arriva…un’ “ape”…che vola in città!

Non cerchiamo mai di usare parole straniere perché ci teniamo a valorizzare…

Il CovidCheck valido in tutti gli Stati membri dell’UE dal 1° luglio 2021

Covid-19: cos’è il certificato CovidCheck e come ottenerlo Nel corso di una…