cover_aprile2021-page-001

Spesso ci piace usare come titolo di copertina una frase idiomatica, un modo di dire tipico italiano. Stuzzica gli stranieri che studiano la nostra bella lingua e strappa forse un sorriso agli italiani madrelingua. Il titolo richiama uno dei tanti articoli che vi invitiamo a leggere in questo numero (le rose che nel Granducato vantano una lunga storia, della quale ci parla Remo Ceccarelli a pagina 50), ma in realtà ci invita anche a riflettere. Perché la frase idiomatica, noi italiani la usiamo quando non sappiamo assolutamente come andrà a finire una certa situazione in corso, che sia lavoro, amore, amicizia, progetto.

Usiamo la frase ”se son rose fioriranno’’ quando speriamo tanto che qualcosa vada a buon fine, ma che non possiamo assolutamente controllare. E crediamo che negli ultimi 13 mesi della nostra vita questa pandemia ci abbia insegnato proprio questo, ovvero che non possiamo controllare tutto, che possiamo sperare, ma non controllare… Ma se sperare è un diritto, agire è un dovere. Agire inteso come usare il buon senso, quindi continuare a essere prudenti e rispettosi delle regole anti-covid; agire in quanto credere nella scienza e nell’efficacia che il vaccino ci porteranno fuori da questo incubo, senza cedere alla tentazione di sterili discussioni sui social. Agire rispettando il prossimo e facendo valere le proprie idee di libertà e democrazia, resistendo e combattendo per una buona causa. Come ci hanno insegnato i nostri  padri e le nostre madri partigiani che celebriamo il 25 Aprile e alla cui storia dedichiamo le prime pagine della Rivista.

Agire a difesa dei più deboli, come hanno fatto lo scorso sabato 27 marzo, i cittadini e le cittadine di questo Paese che sono scesi in strada a Lussemburgo città per combattere il caro-affitti e il mancato blocco degli sfratti (ne parleremo a lungo nel numero di maggio). E, infine, mentre si aspetta ”che forse le rose fioriscano’’, agire anche con quell’ottimismo e quella leggerezza che la stagione ci invita a cavalcare: fra arte, buona cucina, mete estive (speriamo presto) raggiungibili, un animale da adottare, il capriccio dell’oroscopo, le storie dei pagani, le dritte per rinnovare casa o per comprarne una con solo 1 euro, dando un futuro a vecchi borghi abbandonati del nostro Belpaese. Metafora della vita, fra petali e spine, è una rosa. Quella che vi offriamo noi si sfoglia: sperando che possiate apprezzarne il “profumo” del nostro impegno.

Parfum de nouveauté dans les pages en français. Ce mois-ci vous y trouverez une nouvelle rubrique : les brèves de Lorraine, dédiée à l’actualité de notre belle région.

Bonne lecture !

Maria Grazia Galati e Paola Cairo

Potrebbe interessarti anche questo

L’Italia presente al Relais pour la vie per la raccolta fondi per la Fondation Cancer. Modalità di partecipazione.

    L’anno scorso la squadra “Italia” ha vinto  il “Trophée de l’Espoir”, quale prima classificata nella categoria “Pays”, per aver raccolto l’importo di 2.295 Euro in occasione della partecipazione al “Relais pour la…

A Voices parliamo di salute.

PUNTATA 359 Programma densissimo ed estremamente interessante a VOICES BY PASSAPAROLA: cominciamo con la nostra rubrica Folktrip, dedicata alla musica tradizionale condotta da Susanna Buffa. Parliamo poi di salute con Elisa Cutullé che…

A Lussemburgo la prima Assemblea territoriale del MIE, Movimento Italiani in Europa.

  Si è tenuta, lo scorso sabato 10 gennaio nei locali del Clae la prima Assemblea territoriale del MIE, Movimento Italiani in Europa. Dopo il discorso introduttivo del presidente Luigi Billé c`è stato…

Mastronardi racconta Viteliù alla Dante Alighieri Lussemburgo

In occasione dell’aperitivo storico organizzato dalla Società Dante Alighieri, Comitato Lussemburgo sabato 25 gennaio alle ore 20 presso i locali di St. Ulrich 25 nel quartiere del Grund, incontriamo Nicola Mastronardi, giornalista appassionato di…