elis2

Ci sono spettacoli che osservi da spettatore e quelli di cui diventi, in un certo modo, protagonista.

Pasta Opera, fondata da Julia Regher qualche anno fa, porta in alcuni dei luoghi più belli della Germania, una cena spettacolo durante la quale, tra una portata e l’altra, quattro solisti (baritono, contralto, tenore e soprano) interpretano alcune delle più belle arie della produzione operistica europea. Questa volta eravamo allo Schloß Halberg di  Saarbrücken.

Ma non è un semplice spettacolo… anzi, dopo un po’ ci si dimentica perfino di essere nel bel mezzo dello spettacolo!

Ci si siede a tavola, con perfetti sconosciuti e si ammirano le decorazioni: ortacandele creati composti da una patata sorretta da tre forchette o da un fresco cavolo verza e candeliere in cui si trovano arrangiati con cura o no, rose rosse, pomodori e uva.

Il tutto nell’ottica dell’eccesso e dell’esagerazione tipico del Rococò. Prima dell’antipasto, la moderatrice dà il benvenuto alla grande festa ai nobili vicini e lontani, incoraggiandoli a fare conoscenze e ad utilizzare i piccoli indovinelli nascosti tra tovaglioli e bicchieri. Così, quando fa il giro tra i tavoli, chiede se qualcuno sappia già la soluzione o se ci sia bisogno di aiuto.

Le portate vengono intervallate non solo da arie della Carmen di Bizet o dal Don Giovanni di Mozart, ma anche da una storia, nuova e coerente, intrecciata attorno ai brani musicali. Gli spettatori diventano protagonisti: sono invitati a duellare per difendere l’onore dell’amata, a intrecciare storie di amore e tradimenti, a diventare l’oggetto del desiderio di qualche bel poeta, ad essere il dottore chiamato a salvare la vita di un povero malcapitato.

Impercettibilmente, si dissolve quella linea di confine tra fantasia e realtà e ci si ritrova tutti trasportati indietro qualche secolo fa a cantare  Va pensiero come una vera comunità di ribelli che si oppone alla supremazia della monarchia.

Tre ore volate via in men che non si dica e il desiderio, alla fine, di volersi rituffare in un altro viaggio nel tempo all’insegna di buon cibo e buona musica. Chi potrebbe resistervi?

Elisa Cutullè

Potrebbe interessarti anche questo

Razzismo e discriminazioni etno-razziali in Lussemburgo, il Cefis presenta un nuovo studio

Il 15 novembre scorso, il CEFIS ( Centre d’Etude et de Formation Interculturelles et Sociales) ha presentato lo studio “Il razzismo e le discriminazioni etno-razziali in Lussemburgo: ascolto delle vittime”. Questo studio costituisce un’estensione del primo rapporto realizzato dal CEFIS…

Alla Philharmonie il tradizionale concerto a profitto di SOS Villages d’Enfants Monde

Lo scorso giovedì 7 dicembre si è tenuto alla Philharmonie de Luxembourg, in presenza di S.A. il Granduca del Lussemburgo Henri e di alcuni ministri  del nuovo governo, il 47° Concerto di Gala a profitto di SOS Villages d’Enfants Monde…

11 luglio, giorno europeo della memoria delle vittime del genocidio di Srebrenica

Si piange. Ci si interroga. Si commemora. Diciotto anni dopo il massacro il CIL, Comitato nato per commemorare l’11 luglio – giorno del genocidio di Srebrenica – ha invitato in Lussemburgo un testimone oculare: Fahrudin Hasanovic, ex operaio nelle miniere di…

Parma Buskers: dalla food valley parmigiana all’emporio danese

  Può la cucina di qualità diventare cibo di strada? Copenhagen, affascinante città pluripremiata dalle ben note stelle gastronomiche, ha dato spazio per tutto il mese di agosto ad un progetto culinario italiano ideato da Matteo Ugolotti, chef del noto…