Al “Book on!” di Bertrange (L), la prima fiera del libro per bambini e ragazzi (0-12 anni), ospite Fuad Aziz, il celebre artista curdo, naturalizzato italiano, che con i suoi albi illustrati e le sue fiabe avvicina i bambini all’arte e alla poesia. Intervista

Nel quadro della prima edizione del festival letterario dedicato al mondo dell’infanzia  e preadolescenza (da 0 a 12 anni), organizzato all’Arca di Bertrange (17 Rue Atert, 8051 Bertrange) dal 22 al 24 settembre, il celebre pittore e scultore italiano d’origine curda, che da alcuni anni lavora anche come autore e illustratore di albi e libri per l’infanzia, terrà due laboratori dedicati ai bambini. Il primo appuntamento è sabato 23 settembre (ore 16) dedicato al laboratorio di kamishibai (Kami = carta; shibai = dramma, gioco, teatro è una caratteristica forma di narrazione per immagini, ndr); il secondo appuntamento è domenica 24 settembre (ore 14) con il laboratorio di storie. Il “Book on!” che ospiterà autori e illustratori provenienti da Lussemburgo, Lituania, Belgio, Portogallo, Ucraina è un evento plurilingue organizzato dalla Comunità lituana in Lussemburgo, in associazione con il programma di promozione della lettura “Children’s World” (LT) e in collaborazione con il Comune di Bertrange e la Libreria Italiana Lussemburgo (LIL).

Cosa rappresentano per te le favole nel mondo tecnologico in cui i bambini vivono oggi?

Nel mondo tecnologico le favole rappresentano per me la possibilità di creare momenti magici che portano il bambino oltre la realtà nel mondo della fantasia e delle domande. Questi elementi stimolano la mente del bambino all’ascolto e all’osservazione del mondo e di sé stesso traendone gli elementi necessari ad un percorso educativo e personale. Il mondo tecnologico, in qualche modo, facilita la possibilità di cercare e scoprire le favole del mondo, anche nella propria casa attraverso la televisione, internet ecc. In particolar modo attraverso gli albi illustrati che sono costituiti da immagini e parole, il bambino viene stimolato ulteriormente da questi elementi, dai colori, dai tratti pittorici, dalla poesia e dal significato delle parole. Per me gli albi illustrati rappresentano la prima galleria d’arte che il bambino incontra, arte e poesia che sono un loro diritto.

Che rapporto hai con la tua terra di nascita?

Che dire? La mia terra è lontana e questo crea un ostacolo al rapporto con essa. Io torno in Kurdistan ogni 3, 4 anni e questo tempo limita il rapporto di qualità soprattutto nei confronti dei bambini. Però attraverso i media ed il costante contatto con la mia famiglia ed il mio Paese, posso, in qualche modo, acquisire informazioni che mi permettono di essere elaborate e trasferite nelle mie storie. Nella mia arte non dimentico mai le mie origini.

Sei un artista, autore ed illustratore, quali sono i tuoi riferimenti nel mondo dell’arte?

Come artista ho cercato sempre di esprimermi in maniera personale secondo la mia cultura e la formazione da una parte, dall’altra ho assimilato quelle emozioni artistiche e poetiche che mi sono state trasmesse di alcuni grandi autori , artisti, architetti e così via. Certamente la ricerca personale non finisce mai anche perché siamo continuamente sottoposti a stimoli artistici magnifici di cui, ad esempio l’Italia dove vivo ormai da tanti anni è ricchissima. Però voglio ribadire che al di là di questi stimoli, la mia ricerca rimane sempre personale e non finisce mai.

Qual è il messaggio più importante che desideri trasmettere ai bambini con i tuoi libri?

 Io mi propongo, attraverso gli albi illustrati, le loro storie, i colori, la poesia, la fantasia, di avvicinare i bambini a questo mondo fantastico educativo e stimolante. Noi adulti abbiamo il dovere di creare occasioni di lettura, mostre, concerti, rappresentazioni teatrali,  consapevoli del fatto che tutto questo rappresenta un diritto dei bambini.

A cura di Paola Cairo. Si ringrazia la LIL

Informazioni: Facebook

Biglietti: Children’s Literature Festival “Book On!” – Tickets | Fienta

Potrebbe interessarti anche questo

Plëss in Concert

Da domenica 12 maggio a domenica 8 settembre, la Ville de Luxembourg invita il pubblico ad assistere ad una serie di concerti all’aperto nella prestigiosa Place d’Armes, nel cuore della capitale, per una nuova stagione di “Plëss in concert “…

La Foire des Savoir-Faire

Samedi 25 mai, au Centre Culturel de Hollerich, Vigilance citoyenne asbl organise la première Foire des Savoir-Faire au Luxembourg. Concept novateur, cette foire se veut un espace vivant, interactif et collaboratif avec des ateliers pratiques entièrement gratuits concernant le bien-être,…

Fête anniversaire des 10 ans de “Mamie et Moi”

L’Asbl Mamie et Moi fêtera ses 10 ans d’existence, le dimanche 30 juin 2024, de 13h30 à 17h, dans les jardins de la Villa Vauban. Au programme : des animations gratuites et participatives pour mêler les générations et les cultures Au…

@Voices: Silvano Vinceti e il Manifesto per un nuovo ambientalismo

(Puntata 846) Su Radio Ara Elisa Cutullè intervista il presidente del Comitato Nazionale per la Valorizzazione dei Beni Storici, Culturali e Ambientali, già coordinatore dei Verdi del sole che ride e già presidente dell’Associazione ambientalista Kronos 1991 Assieme a Silvano Vinceti ,…