È ciò che si augura Sergio Nazzaro, giornalista e scrittore, autore del libro Fort Alamo (edizioni Città Nuova, 2022), che spiega la criminalità organizzata nigeriana in Italia. Nazzaro sarà collegato da remoto durante l’evento dal titolo CAPIRE LA MAFIA, organizzato da Dante Alighieri Lussemburgo venerdì 9 giugno alle ore 19. Leggete cosa ci ha raccontato

Questo libro è il frutto del coraggio di tanti/e. Ci spieghi di chi?

Il coraggio è innanzitutto delle vittime che hanno deciso di ribellarsi e denunciare.  Il coraggio è degli uomini delle forze dell’ordine e della magistratura che lavora ogni giorno senza sosta per difendere chi difese non ha. E infine, ma non in ultimo, il coraggio appartiene a tutti i volontari, operatori di base, associazioni e cooperative che lavorano direttamente sulla strada per dare un aiuto concreto alle vittime.

Contro questa piaga sociale lo Stato cosa fa e cosa NON fa?

Lo Stato fa tanto, certo si può fare sempre di più, ma se lo Stato siamo noi, allora dovremmo sensibilizzare su determinati temi e soprattutto dire verità dure: come chi va con le prostitute è un complice ed è quindi un criminale a sua volta. Perché se le ragazze sfruttate sono ridotte in schiavitù e senza libertà, tu cliente sei un complice di questo crimine. Lo stesso vale per coloro che consumano droga, si divertono e nel frattempo alimentano un crimine.  
Cosa consigli ai giovani che vogliono fare giornalismo d’inchiesta?

Di dedicarsi alla verità con passione, alla ricerca con curiosità, ma soprattutto dare voce a chi non ha voce, difendere chi non può difendersi. Non è un lavoro per chi vuole la fama, diventare una sorta di personaggio pubblico. L’inchiesta appartiene a chi ha a cuore la comunità, le persone, a chi ha reale empatia per i problemi che affliggono la nostra società e lotta contro le ingiustizie.  
Ci anticipi qualcosa sull’evento del 9 giugno? 

Che sicuramente si proverà a ragionare, se non a scuotere le coscienze, anche se sembra lontano il problema. Ma non lo è, il denaro criminale non conosce frontiere e ognuno di noi può fare qualcosa, come provare a sensibilizzare su determinati temi.  

Maria Grazia Galati

EVENTO QUI

Potrebbe interessarti anche questo

Solidarietà e Cultura: si può fare!

Mostra fotografica organizzata dall’Associazione Settimo Continente di Roma (Via Guendalina Borghese) con finalità solidali Le persone hanno bisogno di cultura, le persone hanno bisogno di incontrarsi, le persone hanno bisogno di ritrovarsi. E’ questa la sensazione fortissima che abbiamo provato…

Lanciata la 1a edizione del Premio Italia “Radici nel mondo”

Il John Fante Festival “Il dio di mio padre” e il Piccolo Festival delle Spartenze Migrazioni e Cultura bandiscono la I edizione del concorso letterario internazionale Premio Italia Radici nel mondo per racconti inediti, rivolto ad autori/autrici oriundi/e e a italiani/e residenti all’estero. Il tema dell’edizione…

Al SalTo: la Vita Immaginaria

Dal titolo di un libro di Natalia Ginzburg ha preso corpo l’ultima edizione del Salone del Libro tenutosi a Torino dal 9 al 13 maggio 2024, Vita Immaginaria. E’ stata raccontata quella vita che abbraccia tutto ciò che ci piace,…

“Un Muro di Lacrime” per la pace possibile

Libro e testo unico teatrale di Giorgio Stawowczyk presentato ieri a Roma JASSER: Chi cerca di noi al di là del muro? YITSHAQ: Sono un vostro fratello, il mio nome è Yitshaq. Due uomini: Yitshaq, un israeliano, Jasser, un palestinese.…