Un delizioso anticipo d’estate (virtuale ma non troppo!) nella meravigliosa Toscana, organizzato dalla Camera di Commercio Italo Lussemburghese (www.ccil.lu) nell’ambito del progetto True Italian Taste e finanziato dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale; in collaborazione con l’Ambasciata Italiana in Lussemburgo e ASSOCAMERESTERO.

Per scoprire sapori e tradizioni enogastronomiche che tutto il mondo ci invidia. Raccontate da una cuoca stellata.

Eh…diciamo che con il clima di oggi in Lussemburgo sarebbe stato proprio bello essere in Toscana per davvero. In Valdichiana per la precisione, celebre per la sua produzione vitivinicola fin dall’epoca etrusca. Ma la Camera di Commercio Italo Lussemburghese è riuscita comunque molto bene a far calare i partecipanti nella giusta atmosfera. Come? Con un viaggio ‘’nello spazio’’ lungo sentieri che, comodamente seduti dalla propria postazione in remoto, stampa e addetti ai lavori hanno potuto percorrere non con i piedi, ma con le papille. Il merito va soprattutto alla protagonista dell’evento, la Chef  Silvia Regi Baracchi del ‘’Relais & Château’’ Il Falconiere(www.ilfalconiere.it), ristorante che vanta una stella Michelin e che sorge nella splendida località di Cortona (Arezzo).

Regi Baracchi, “figlia d’arte” e una lunga carriera tra fornelli, viaggi, libri e TV, ha trasformato, insieme a marito e figlio, una deliziosa dimora di famiglia in un wine resort a 5 stelle che coniuga eleganza, eccellenza, calore, professionalità.

Durante l’evento online, dopo i saluti introduttivi di Fabio Morvilli (presidente della CCIL), a cui hanno fatto seguito quelli di Mirko Costa (Primo Segretario, Capo della Cancelleria Consolare) e (con video-registrato) del Console del Lussemburgo per la Toscana e l’Emilia Romagna, Stefano Cacciaguerra Ranghieri,  il pubblico a distanza ha potuto conoscere numerose eccellenze enogastronomiche. In particolare: l’olio extra vergine di oliva biologico di Tenute di Fraternita (www.tenutedifraternita.it),  il Pecorino di Pienza Gran Riserva della Fattoria Buca Nuova srl (www.fattoriabucanuova.it), sugo all’aglione della Società Agricola Valdichiana di Rampi E.&P. (www.agricolavaldichianarampi.it), cantucci alle mandorle (del Panificio Menchetti Pietro srl di Cesa Marciano della Chiana (Arezzo), i cosiddetti ‘’pici’’ freschi (una sorta di spaghettoni tipici della regione) del Pastificio Poggiolini (www.poggiolini.com). Una nota speciale merita proprio l’aglione, eccellenza gastronomica della zona e prodotto a marchio, che si distingue dal comune aglio in quanto privo del classico sapore forte e indigesto (www.aglione.it). A tale proposito, Luisa Castelli, direttrice della CCIL, ha spiegato l’impegno della Camera nel sollecitare gli importatori del settore nel Granducato a importare e commercializzare questo prodotto.  

Anche Bacco non ha deluso. E l’ha fatto grazie alla cantina La Braccesca (www.labraccesca.it), con due etichette di rosso: Sabazio (rosso di Montepulciano DOC, 2019) e Achelo (Cortona rosso DOC, 2018). Entrambi perfetti da abbinare al clou della diretta, ovvero…la ricetta!

La cuoca ha difatti illustrato con simpatia e molta teatralità come preparare un piatto tipico della zona: i pici all’aglione.

Non è mancata nemmeno la nota artistico-culturale, grazie all’intervento di Bianca Gioia Marino, architetta e professoressa presso il Dipartimento di Architettura dell’Università di Napoli Federico II. La Marino, che è specializzata in ‘’Conservazione dei Beni architettonici e del paesaggio’’, ci ha illustrato il valore storico, artistico e tradizionale della Valdichiana. 

La diretta zoom si è conclusa con i saluti e i ringraziamenti di Luisa Castelli.

E a tale proposito, un grazie particolare alla Camera di Commercio di Siena e Arezzo.

Maria Grazia Galati

Potrebbe interessarti anche questo

Acquasale cilentana

C’est un plat simple et rapide du Cilento. Depuis toujours les pêcheurs…

F4A, una APP contro lo spreco alimentare

Due giovani imprenditrici in Lussemburgo, Ilana Devillers e Xénia Ashby, hanno creato…