gusto

Chi è stato bambino tra gli Anni ’60 e ’70  ricorderà i filmini in super 8 girati la Domenica al parco,  in occasione dei compleanni, o durante le vacanze estive,  magari dopo una sveglia all’alba ed estenuanti viaggi a bordo di piccole utilitaire. Grazie al talento di giovani artisti  quelle immagini seppiate e un pò sbiadite di un Italia che non esiste più oggi rivivono e diventano protagoniste del festival “il gusto della memoria”. La rassegna di film ispirata alle immagini d’archivio ha raggiunto quest’anno la sua terza edizione e si è tenuta a Roma negli scorsi 27 e 28 settembre, presso la cineteca Trevi.

Quest’anno i partecipanti si sono dovuti confrontare con un tema non facile:ero… quello che non sono più a sottolineare come oggi più che mai tendiamo a guardare al passato con un pizzico di malinconia e rimpianto.

Le immagini d’epoca che hanno costituito il substrato creativo dei lavori provenivano dall’archivio Nos Archive, il primo archivio mondiale di immagini e video amatoriali creato da Cecilia Pagliarani, montatrice e ideatrice della manifestazione : “Nel 2009 abbiamo creato quest archivio che contiene pellicole amatoriali e foto realizzate tra il 1922 e il 1984. Abbiamo iniziato chiedendo i filmini a pareti e amici e ora abbiamo 18.000 pellicole. Poi ci è venuta l’dea di creare un concorso in cui gli artisti potessero utilizzare il materiale dell’archivio a loro piacimento” .

Super 8 camera IFBA - Autoreflex Zoom 1975

I filmati in concorso, suddivisi in tre categorie, advertising, doc e fiction, dovevano contenere almeno il 60% delle immagini provenienti dalla raccolta Nosarchive, e il risultato è stato sorprendente. Le immagini di un tempo si mescolano a riprese contemporanee, sviluppando in alcuni casi visioni oniriche e montaggi dal forte impatto emozionale, come nel caso del bellissimo cortometraggio “Aldilà”, realizzato della giovane italo-americana Anais la Rocca, vincitrice della categoria advertising. Un viaggio metafisico in cui si rivivono tutte le esperienze passate che sono rimescolate secondo un nuovo ordine, tale da raccogliere insieme tutti i momenti simili trascorsi nel corso di una vita.

La categoria fiction è stata vinta da Alessio Santoni con il suo “Ero”, sintetica ma efficacissima retrospettiva personale, non a caso definita dai membri della giuria “un promo da cui si può estrarre il significato stesso del festival”.

Il premio per la categoria Doc è andato invece a Niccolò Notario, studente di montaggio presso il centro sperimentale di cinematografia di Roma, che con il suo documentario “Il Viaggio”  spiega come la memoria e le esperienze passate di una persona determinano la scelta di viaggiare. Sullo sfondo dei versi di Baudelaire il film suggersice come il viaggio può essere per l’uomo anche uno spostamento nel tempo.

A testimoniare la trasversalità generazionale della manifestazione quest’anno è stata inserita la categoria Junior, per i concorrenti under 18. Il premio è andato a Dario Bellanima, giovane cineasta abruzzzese, che coinvolgendo la sua classe ha realizzato il simaptico corto “Il mondo è bello perchè è Mario”. Mario è un postino italiano che coltiva un sogno segreto: quello che la gente possa ricomnicare a scriversi su carta. Alla fine, arresosi al digitale, Mario crea su facebook un gruppo dal titolo “post-it”, in cui ciascun membro ha diritto a chiedere agli altri di poter realizzare uno solo dei propri sogni.

La giuria dell’edizione 2014 è stata composta da membri di indiscussa esperienza: Emiliano Morreale, conservatore della Cineteca Nazionale; Alina Marazzi regista; Ciro Giorgini, regista, scrittore e autore di Fuori Orario e Blob; Marco Chiani, giornalista di Cinemonitor, Fiorella Infascelli, dal regista documentarista Marco Santarelli e da Luigi Vernieri, direttore di IED Visual Communication. Quest’ultimo ha sottolineato come “a distanza di una anno la qualità dei prodotti è stata estremamente superiore a quella dello scorso anno. Il festival è destinato a diventare qualcosa di veramente importante perchè oltre che sul fatto tecnico punta sulla cretività che in questo preciso momento è il fattore più importante per il rilancio del nostro Paese“.

Super8Smithsonian-Post

La manifestazione, come ci ha confermato Cecilia Pagliarani, si pone mire ambiziose per il futuro : “Questo oltre che un festival è un laboratorio di cinema, vorremmo portarlo a Napoli e anche in Francia, perchè proprio da li provengono molti contributi. Abbiamo, infatti, tantissime pellicole girate in Bretagna e sulle coste del Mediterraneo“.

Grazie a Nos Archive si può creare un’ interazione diretta tra le diverse fasi che portano una pellicola dalla sua creazione alla fruizione diretta da parte del pubblico e chiunque può diventare un produttore di se stesso. “Le persone vengono da noi e ci danno le loro vecchie pellicole, noi le digitalizziamo in full HD e gli diamo un dvd al costo di 1 euro al minuto. In più li tuteliamo, noi vendiamo infatti le licenze ai broadcaster internazionali e le famiglie guadagnano il 50% qualora il loro filmato venga scelto per qualsiasi tipo di realizzazione. Questa è una cifra enorme considerando che gli altri archivi di solito pagano solo tra il 5 e il 10%”.

In attesa dell’edizione 2015 controllate, quindi, nelle vostre cantine e rovistate negli armadi, potreste avere un tesoro e non saperlo.

Giorgio De Franceschi

 

 

 

 

Potrebbe interessarti anche questo

La scalata di Orban all’informazione europea al centro dei vent’anni di Club media Italie

Roma, 12 aprile 2024 – Le celebrazioni dei vent’anni di vita dell’associazione ClubMediaItalie (organismo che riunisce i giornalisti italiani che lavorano nei Paesi francofoni) sono state marcate dall’annuncio dell’inchiesta di Le Monde che ha rivelato che, dietro alla scalata a…

Papa Francesco è il nonno del mondo

Allo Stadio Olimpico di Roma la prima Giornata Mondiale dei Bambini La prima grande emozione che ci assale entrando sul campo dello Stadio Olimpico è l’essere sommersi dal fragoroso vociare delle migliaia di bambini che fin dalla mattina di sabato…

“Giovani 2024: il bilancio di una generazione”: quasi 18 mila laureati espatriati nel 2021

ROMA\ aise\ – Il Consiglio Nazionale dei Giovani e l’Agenzia Italiana per la Gioventù hanno presentato il nuovo rapporto “Giovani 2024: bilancio di una generazione”, sulla condizione giovanile in Italia. Un lavoro per tracciare un quadro dettagliato delle principali sfide e delle opportunità che i…

Avviso di assunzione di n.1 impiegato a contratto temporaneo (6 mesi) da adibire ai servizi di collaboratore amministrativo

L’Ambasciata d’Italia in Lussemburgo informa che è stata indetta una procedura di selezione per l’assunzione di 1 impiegato a contratto temporaneo (6 mesi) da adibire ai s ervizi di collaboratore amministrativo nel settore commerciale. La scadenza per la presentazione delle candidature è fissata alle ore…