pacs

I PACS ovvero  pacte civil de solidarité (patto civile di solidarietà, ndr) o semplicemente partenariati, rappresentano una forma di riconoscimento legale di un’unione tra due persone dello stesso o di diverso sesso, alternativa al matrimonio.

Riconosciuta in molti Paesi membri dell’Unione Europea, la figura del partenariato in Lussemburgo assume rilevanza soprattutto per un triplice ordine di ragioni.

In primo luogo, trattasi di mettere in atto un sistema di sicurezza legale da un punto di vista civile, alla stregua di alcune regole di solidarietà che le parti devono rispettare.

In secondo luogo, i PACS garantiscono una flessibilità fiscale, volta a garantire sgravi ed agevolazioni per l’intero nucleo familiare. Più specificatamente, i partner sono imponibili secondo la classe 2, beneficiano di deduzioni fiscali raddoppiate e legate ad alcuni tipi di dispense (come gli interessi sui crediti) a condizione, però, che uno dei partner produca almeno il 90% delle entrate nel Granducato.

Infine, il partenariato garantisce protezione sociale ai soggetti coinvolti.

In particolare, affinchè venga costituito un Pacs tra due soggetti in Lussemburgo è necessario che gli stessi vi risiedano legalmente, abbiano capacità giuridica, non siano legati da altri vincoli di partenariato o matrimonio e non abbiano legami di parentela tra di loro.

In seguito, è necessario presentarsi dinanzi all’ufficiale di stato civile del Comune lussemburghese di residenza, muniti dei necessari documenti (e che possono variare a prescindere dal Comune) redatti in lingua francese, tedesca o inglese. Qualora, infatti, i futuri partner non abbiano i documenti originali redatti nelle menzionate lingue, è necessario che gli stessi vengano tradotti con traduzione giurata (la lista dei professionisti autorizzati si trova sul sito del Ministero della Giustizia).

Ciò posto e verificata l’esistenza e la validità di tutti i documenti, l’ufficiale di stato civile trascrive la costituzione del partneriato su un documento che verrà inviato al “Parquet” generale per il repertorio civile. Da tale data, il partenariato comincia a produrre i suoi effetti giuridici e patrimoniali.

Per ulteriori informazioni, è possibile visitare consultare la Legge del 9 luglio 2004, oppure il link del Guichet Public

e quello del Ministero della Giustizia

 

Rita Marsico

Potrebbe interessarti anche questo

Razzismo e discriminazioni etno-razziali in Lussemburgo, il Cefis presenta un nuovo studio

Il 15 novembre scorso, il CEFIS ( Centre d’Etude et de Formation Interculturelles et Sociales) ha presentato lo studio “Il razzismo e le discriminazioni etno-razziali in Lussemburgo: ascolto delle vittime”. Questo studio costituisce un’estensione del primo rapporto realizzato dal CEFIS…

Alla Philharmonie il tradizionale concerto a profitto di SOS Villages d’Enfants Monde

Lo scorso giovedì 7 dicembre si è tenuto alla Philharmonie de Luxembourg, in presenza di S.A. il Granduca del Lussemburgo Henri e di alcuni ministri  del nuovo governo, il 47° Concerto di Gala a profitto di SOS Villages d’Enfants Monde…

11 luglio, giorno europeo della memoria delle vittime del genocidio di Srebrenica

Si piange. Ci si interroga. Si commemora. Diciotto anni dopo il massacro il CIL, Comitato nato per commemorare l’11 luglio – giorno del genocidio di Srebrenica – ha invitato in Lussemburgo un testimone oculare: Fahrudin Hasanovic, ex operaio nelle miniere di…

Parma Buskers: dalla food valley parmigiana all’emporio danese

  Può la cucina di qualità diventare cibo di strada? Copenhagen, affascinante città pluripremiata dalle ben note stelle gastronomiche, ha dato spazio per tutto il mese di agosto ad un progetto culinario italiano ideato da Matteo Ugolotti, chef del noto…