Non è la negazione della politica, ma un modo per creare spazi di partecipazione politica, senza utilizzare le formazioni partitiche tradizionali

I promotori delle liste civiche molto spesso provengono dalla militanza nei partiti e non trovando agibilità politica, talvolta per l’ottusità dei dirigenti che da decenni lottizzano candidature annientando il dibattito interno. Non fidandosi più del rinnovamento dei partiti, pezzi di società più o meno grandi si auto-organizzano politicamente: a difesa interessi, a tutela di diritti o per sostenere battaglie e posizioni ideali che si considerano trascurate.

Per lo più sono movimenti di natura territoriale che esprimono sindaci, consiglieri e amministratori.

Im Italia il civismo è esploso col definitivo crollo, a causa di tangentopoli, del sistema partitico intorno al quale si era strutturata la cosiddetta Prima Repubblica.

“Da quel momento, soprattutto nella politica locale, è stato tutto un fiorire di liste e listarelle cosiddette civiche: alcune frutto di mobilitazioni sociali dal basso, altre di interessi particolaristici e affaristici, altre infine di natura puramente personalistica” – scrive in un saggio, il professore Alessandro Campi del dipartimento di Scienze politiche dell’università di Perugia – è vero, ma negli ultimi anni il civismo politico nasce per colmare un vuoto politico sui territori, sono poco i partiti nazionali che hanno sedi dislocate in tutto il territorio nazionale, spesso alle elezioni comunali non si presentano neanche con i propri simboli perché non riescono a trovare una sintesi programmatica e di rappresentanza. Il civismo autentico vuole innovare la democrazia negando il mutismo e la demagogia che i partiti praticano da anni.

Nelle elezioni nazionali i tanti movimenti civici territoriali non partecipano attivamente alle campagne elettorali proprio perché orfani di riferimenti nazionali se non in singoli politici e non esprimono una posizione unica, considerata anche la divisione interna ai movimenti territoriali, da cui provengono gli attivisti che sono di diversa formazione culturale e politica. Questo è uno dei limiti del civismo locale che potrebbe essere superato se venissero garantite le richieste e le rivendicazioni che i movimenti reclamano per i propri cittadini.

È la riprova che la domanda di civismo non è ben compresa, né dai partiti né dalla politica in generale. Alle amministrative del 2021, secondo YouTrend, il 60 per cento dei voti è andato alle liste civiche, determinanti in città come Napoli, Milano e Bologna. Ma è soprattutto nei comuni minori che il civismo ha soverchiato le liste di partito.

Il cinismo politico non riesce a interpretare il movimento civile che in Italia, da qualche anno cresce sempre di più, che non è fatto solo di liste elettorali, ma anche di associazioni, gruppi di persone informali che provano a incontrarsi per ragionare, confrontarsi e mettere in piedi qualche iniziativa di cittadinanza attiva, spesso incontrandosi anche a casa di qualche attivista oppure in sedi di fortuna.

La voglia di partecipazione è forte, mancano gli spazi, gli strumenti e l’offerta politica è scarsa, inadeguata.

I partiti sono ancorati a logiche obsolete, anacronistiche e talvolta personali. Non riescono a trovare forme e strumenti nuovi per interagire con i propri elettori e potenziali militanti. Anche l’assenza di riforme concrete che puntano davvero a cambiare il Paese, ha minato la credibilità dei partiti creando un forte scollamento con la base.

Talvolta, invece, sono piccoli movimenti che pur avendo qualche rappresentante nelle istituzioni non riescono a crescere su scala nazionale perché finanziare un partito non è per niente facile.

Ma l’ansia di novità e la voglia di volti freschi da parte degli elettori è una caratteristica inedita di questa fase storica. Occorre però strutturarsi sul territorio, per non bruciarsi. È auspicabile che la politica in questa fase di campagna elettorale offra ascolto, rispetto ed accoglienza a chi vuole partecipare con idee, proposte e prospettiva.

Bisogna iniziare a farlo.

Paolo De Martino

(Foto : latinacittaaperta.info)

Potrebbe interessarti anche questo

FAIM: partecipazione al voto e rappresentanza per incidere sul futuro dell’Italia

Il FAIM è costituito dalle associazioni e reti degli italiani nel mondo e dà voce a chi, nelle nostre comunità all’estero, si occupa di animazione sociale e assiste i nostri connazionali. In questi anni il nostro forum, oltre al lavoro di coordinamento…

Un voto per uscire dalla drammatica emergenza del Paese

L’appello al voto approvato dal Comitato nazionale ANPI nella riunione del 17 settembre 2022 L’ANPI, che non sostiene alcun partito perché è autonoma, ma al contempo non è indifferente, invita ad un voto a difesa della Costituzione e a sostegno dell’antifascismo. In…

Quale voto in Europa? Panel informativo elettorale

Il Comites Olanda ha organizzato due incontri, il 7 e il 9 Settembre, con i candidati per la Circoscrizione Estero – Collegio Europa in cui sarà possibile conoscere le ragioni di voto, i programmi e porre domande Due incontri, il…

Voto, l’appello della Federazione ACLI internazionali

Lanciare le proposte e sensibilizzare al voto. Le ACLI si mobilizzano online giovedì 8 settembre Giovedì 8 settembre alle 15.00 la Federazione Acli Internazionali organizza un evento online per lanciare le proprie proposte alla politica sulla condizione degli italiani all’estero e sensibilizzarne il…