Circa 1000 pagine per raccontare un capitolo fondamentale della storia del Granducato. Utile per avvicinarsi ai trascorsi di questo Paese, anche se vi manca una parte importante…

Il Musée National de la Résistanceet des Droits Humains di Esch/Alzette ha appena ultimato un percorso di ristrutturazione integrale che ha coinvolto i locali, gli spazi espositivi e il concetto ormai superati. Per darsi una linea guida in questo ri-orientamento il comitato direttivo del museo ha chiesto a un gruppo di storici di trattare ciascuno di loro un argomento specifico riguardo agli aspetti più svariati che collegano il Lussemburgo al 3° Reich. Il presente libro costituisce il frutto di questa ampia riflessione collettiva. L’intento di partenza, realizzare cioè uno stato attuale delle conoscenze sul tema, è scritto già nel sottotitolo ed è corroborato dalle varie introduzioni. I sintetici contributi in francese e in tedesco, a volte originali e altri già pubblicati in forma simile, sono stati elaborati da autori e ricercatori conosciuti e non. Come ci si poteva attendere, il livello dei pezzi è fluttuante e un lettore alla ricerca di rivelazioni straordinarie resterà deluso. Non sarà tuttavia deluso chiunque voglia affacciarsi alla complessa situazione geografica e alla realtà interna del Lussemburgo del periodo contemplato.

Questo tomo, che sfiora le mille pagine, è davvero completo, per quanto l’editore stesso lo consideri soprattutto come un’ottima base da arricchire nel futuro. Quest’opera spreca purtroppo una grande occasione. Non rompe cioè con la storiografia ufficiale lussemburghese del Dopoguerra, la quale da una parte inizia timidamente a picconare il mito fondatore di un popolo unito contro l’invasore nazista, ma insiste nell’ignorare la partecipazione degli emigrati alla Resistenza lussemburghese.

Musée national de la Résistance – et des Droits Humains (mnr.lu)

(continua su PassaParola Mag di marzo 2022 in edicola)

Remo Ceccarelli

Potrebbe interessarti anche questo

Emmanuel Todd e il suo recente best seller «la sconfitta dell’Occidente»

Il demografo e antropologo Emmanuel Todd che per primo aveva previsto il crollo dell’URSS, ci racconta, in “La Défaite de l’Occident” (Gallimard, 2024), un’opera in molto commentata in Francia, come l’Unione europea agendo come appendice strategica degli Stati Uniti, sia…

Lanciata la 1a edizione del Premio Italia “Radici nel mondo”

Il John Fante Festival “Il dio di mio padre” e il Piccolo Festival delle Spartenze Migrazioni e Cultura bandiscono la I edizione del concorso letterario internazionale Premio Italia Radici nel mondo per racconti inediti, rivolto ad autori/autrici oriundi/e e a italiani/e residenti all’estero. Il tema dell’edizione…

“Un Muro di Lacrime” per la pace possibile

Libro e testo unico teatrale di Giorgio Stawowczyk presentato ieri a Roma JASSER: Chi cerca di noi al di là del muro? YITSHAQ: Sono un vostro fratello, il mio nome è Yitshaq. Due uomini: Yitshaq, un israeliano, Jasser, un palestinese.…

Potenziare il sostegno contro la pandemia. La presa di posizione del CLAE

Il CLAE, Comité de Liaison des Associations d’Etrangers à Luxembourg, la piattaforma associativa che riunisce le associazioni di Documento sulla posizione del CLAE Potenziare il sostegno contro la pandemia La crisi sanitaria provocata dal Covid-19 sta entrando nel suo secondo anno. Il…