Il 20 e 21 novembre, si è tenuta a Salerno la V edizione del Salone del vino In Vino Civitas, organizzato dall’associazione Createam, in collaborazione con la Cna Salerno e la Camera di Commercio. Il racconto della nostra inviata

Due opere simbolo di Salerno, tanto celebri quanto discusse perché hanno completamente ridisegnato il fronte mare della città, sono state il biglietto da visita del Salone enologico In Vino Civitas.

La prima – che ha ospitato la kermesse – è la Stazione Marittima di Salerno: struttura la cui funzione principale doveva essere l’attracco delle navi da turismo e da crociera, è stata progettata dalla pluripremiata architetta Zaha Hadid e non passa certo inosservata grazie alla forma sinuosa che ricorda un’ostrica. La seconda, proprio a fianco, è l’immenso complesso immobiliare a forma di mezzaluna, non a caso chiamato “Crescent”, progettato dall’architetto catalano Ricardo Bofill. Il semicerchio dell’edificio ha fatto da cornice alla piazza dove si è svolto il défilé di moda “I Colori del Vino”, una delle iniziative più celebrate del programma.

Edizione ambiziosa, quella messa in campo per la ripresa del salone salernitano, il cui slogan “Brindiamo alla Vite” ha voluto celebrare la ripartenza, come ha sottolineato Lucio Ronca, presidente provinciale di Cna Salerno e anche la gioia di riaccogliere in presenza gli espositori, come espresso da Sergio Casola, presidente di Createam.

80 le aziende vitivinicole da tutta Italia (molte altre sono rimaste fuori per i limitati spazi espositivi) affiancate da un programma che ha voluto coinvolgere alcuni settori meno premiati dalla ripresa estiva di cui ha beneficiato il settore vitivinicolo. Ecco quindi che, accanto alle circa 400 etichette di vini in degustazione e alle sei masterclass a cura di AIS Salerno dedicate al vino, hanno trovato lustro nella vetrina della manifestazione: l’arte, con la mostra fotografica “Paesaggi diVini” – immagini paesaggistiche del territorio salernitano, legate in primis al mondo del vino – e l’artigianato, con il défilé di moda che ha coinvolto stilisti, orafi, parrucchieri ed estetisti locali attorno a creazioni ispirate anch’esse al vino.

E ancora, la performance musicale «la danza dell’uva» a cura di Hiram Salzano, il premio EccellenSA 2021, attribuito al Prefetto di Salerno, Francesco Russo, per l’impegno e la tenacia profusi nella lotta al Covid e il riconoscimento a Silvia Imparato, nella sua duplice veste di produttrice vitivinicola di successo e fotografa.

Largo spazio poi è stato dedicato ai dibattiti e riflessioni su come incentivare lo sviluppo: la ripresa del settore vitivinicolo in Italia, il turismo del vino in Campania tra ripartenza e innovazione, la valorizzazione del patrimonio della dieta mediterranea, l’importanza della moda ed enogastronomia per il rilancio del Made in Italy. 

La risposta del pubblico non si è fatta mancare: sold out degli ingressi disponibili, folla agli stand, masterclass complete. Grande soddisfazione anche degli addetti ai lavori, come spiega Giuseppe Festa, direttore del corso di Wine Business dell’Università degli Studi di Salerno: «quello che ha fatto In Vino Civitas in cinque edizioni, compresa quella attuale, è semplicemente qualcosa di eccezionale. Ormai l’enogastronomia e in primis in vino, rappresenta un asset formidabile per quanto riguarda l’attrattività turistica: il turismo vino non è un prodotto, un mercato, ma un metamercato, cioè qualcosa che aggrega. Non è soltanto turismo, non è soltanto vino, ma un’area convergente in cui quello che fa veramente da collante è il concetto di cultura.»

Gli organizzatori di In Vino Civitas hanno tessuto intorno al richiamo seducente della produzione vitivinicola un progetto di rilancio e sviluppo di un intero territorio. Un Brindisi alla Vita. Appuntamento al 2022.

Giovanna Agnello

Potrebbe interessarti anche questo

Gargano: un paradiso incontaminato tra natura e gastronomia

Con l’arrivo dell’estate scopriamo da vicino una zona della Puglia ricca di bellezze naturali e storiche. Senza contare i piaceri del palato. E al cui simbolo, Pizzomunno, Max Gazzè ha persino dedicato una canzone Il Gargano è famoso per la…

Le carrube della Befana

Il consumismo esasperato dei nostri tempi ha contagiato anche la tradizionale e originale sobrietà della calza della Befana, sostituendo fichi secchi, noci, nocciole, arance e carrube, che appagavano le trepidanti attese dei nostri nonni L’usanza di inserire frutta nella calza…

Le eccellenze italiane a tavola in un libro

Presentata a Luxembourg Ville la guida ai prodotti italiani AOP e IGP Martedì 14 novembre, all’interno della suggestiva location Come à la Maison, ha avuto luogo la presentazione di un progetto che celebra e difende i valori, le tradizioni e i…

Montecitorio a porte aperte

Domenica 15 gennaio si ripete l’iniziativa “Montecitorio a porte aperte”. Alle ore 10, in Piazza Montecitorio, ci sarà l’esibizione della banda musicale della Polizia di Stato, diretta dal Maestro Roberto Granata. Il programma inizia con l’Inno nazionale italiano e termina…