Non c’è niente di male nello scrivere qui e lì.

Un tempo scrivevo qui e lì. Eccome se scrivevo. Era divertente e a volte speciale. Non ricevetti una lira, ma delle lire mi interessava quanto sposarmi. E ora sono solo. E non scrivo più qui è lì. Scrivo solo lì, su quell’app blu da cui le mie dita non riescono a scollarsi. E queste sono nere, lo vedo, come le dita del minatore che rincasa. Dovrei smettere, per l’amor del cielo! Forse, avessi avuto una moglie a cui aggrapparmi ora non sarei qui. Sì, dovrei smettere! Oh, non è facile! Quello lì ha appena inviato un testo pieno di errori. È impossibile! Devo scrivere! Ho deciso, io scrivo lì e poi basta. Da qualche parte dovrò pure liberare il mio grigiore.

Erlond

Potrebbe interessarti anche questo

Limpido lembo di cielo (344 parole)

Un artista guarda le nuvole in cerca di ispirazione, quando  un puntino grigio nel cielo fa tremare il mondo “Limpido lembo di cielo”, scriveva Maurizio, chinato sul foglio bianco disteso sul tavolo. Di tanto in tanto, lanciava un’occhiata in alto,…

Il treno (113 parole)

Due ragazzi, in due luoghi differenti, sono intenti a compiere la medesima azione. Per uno dei due, però, potrebbe essere l’ultima Un treno sfreccia nell’oscurità, presto arriverà alla stazione. Un ragazzo cammina di fretta per la strada senza distogliere lo…

Il Piccolo Alberto(120 parole)

Un bambino al parco con il padre, vede qualcosa e rivela un segreto che rovina quel momento Il piccolo Alberto era emozionato. Suo padre lo aveva portato al parco giochi, poco distante da casa. Il prato era umido di rugiada…

La stanza proibita (152 parole)

Una stanza a cui non si accede fino alla maggiore età pena le percosse paterne Di quella stanza non mi era permesso sapere nulla fino ai diciotto anni. Età nella quale, secondo mio padre, avrei potuto capire la cosa là…