Al Musée National de la Resistence e des Droits Humains (MNRDH) di Esch-sur-Alzette la storica Elisabeth Hoffmann insieme a Jim Goerres, presidente degli Amici del museo, raccontano la vita di un“ passeur”(traghettatore, ndr) lussemburghese

Si è tenuto lo scorso 7 novembre presso il Musée National de la Resistence e des Droits Humains  (Museo Nazionale della Resistenza e dei Diritti Umani, ndr) di Esch-sur-Alzette un dialogo tra Elisabeth Hoffmann, storica presso il MNRDH e Jim Goerres, presidente degli Amici del MNRDH, figlio di un “passeur” lussemburghese durante la Seconda Guerra Mondiale, e lui stesso storico, sulle “Reti transfrontaliere di esfiltrazione e d’intelligence in Lussemburgo durante la Seconda Guerra Mondiale” (1940-1944).

Jim Goerres attraverso il grande archivio documentale lascito di suo padre, ha raccontato ad un pubblico ridotto ma molto attento, rispondendo agli spunti di Elisabeth Hoffmann, ha raccontato l’epopea di quei resistenti lussemburghesi contro l’occupazione nazista del Granducato che tra il 1940 ed il 1944, spesso da soli e sempre con grande sprezzo del pericolo, si adoperarono per far passare clandestinamente la frontiera con la Francia o il Belgio a numerosi prigionieri di guerra evasi, aviatori alleati abbattuti, renitenti alla leva lussemburghesi, ebrei, antifascisti e ricercati di ogni nazionalità dalla Gestapo nazista.  

Grazie ad una rete di case sicure ed itinerari costantemente vigilati, organizzata dai vari movimenti della Resistenza antinazista lussemburghese, i “ passeur” riuscirono a far esfiltrare nella Francia di Vichy o in Belgio decine e decine di ricercati, utilizzando particolari punti di passaggio della frontiera dall’estremo Nord del Granducato fino al Sud, passando per il fianco occidentale. Essi riuscirono anche a trasmettere agli Alleati, per vie impervie e dissimulate, le informazioni sul nemico, sulla consistenza delle sue forze e sui suoi movimenti, di inestimabile valore.

 Il rischio di essere catturati od uccisi dai nazisti per un errore, un contrattempo, una delazione o per un caso fu sempre altissimo, ma i  “passeur” e le organizzazioni della Resistenza lussemburghese svolsero comunque un lavoro efficace e di grande rilevanza.

Pietro Benedetti

Potrebbe interessarti anche questo

@Voices: la Cinémathèque de la Ville de Luxembourg

(Puntata 831) Conosciamo questo prezioso scrigno del cinema europeo e mondiale con Boyd Van Hoeij, responsabile della programmazione La Cinémathèque di Lussemburgo, nel cuore della capitale, ha circa 50 anni, possiede qualcosa come 20 mila pellicole, organizza eventi con celebri…

Il poema su Cristoforo Colombo di un cantore francese del XVIII secolo: Nicolas-Louis Bourgeois

In quella miniera inesausta e spesso incompresa dagli stessi genovesi che è la Biblioteca Berio ritroviamo la descrizione che aveva fatto nel 1987 Renata Carocci di un ammiratore francese di Cristoforo Colombo, Nicolas-Louis Bourgeois, che, nato a La Rochelle nel…

Cronaca di in successo annunciato

Ieri sera alla Philharmonie de Luxembourg il giovane direttore Maxim Emelyanychev ha diretto la splendida mezzosoprano Joyce DiDonato in “Dido and Æneas!“ l’opera di Purcel che fa rivivere su scena l’eroina sublime e tragica, abbandonata da Enea, sacrificata sull’altare dell’incoscienza umana…

@Voices: Italo Calvino (il podcast)

(Puntata 824) VoicesbyPassaParola, la trasmissione in lingua italiana su Radio Ara (Lussemburgo), si unisce alle celebrazioni mondiali per il centenario di uno degli scrittori italiani che ha segnato la letteratura del Novecento Intervista telefonica di Paola Cairo ad Elio Baldi,…