Da Milano a Palermo, passando per Venezia, Merano, Firenze, Reggio Emilia, Senigallia, Roma e Napoli, una panoramica delle mostre più belle da vedere approfittando delle vacanze estive

A Milano ci si può sbizzarrire tra Palazzo Reale, dove è in corso la mostra “Oltre la soglia -Leandro Erlich” – artista geniale – fino al 4 ottobre; la Fabbrica del Vapore, dove si può ammirare l “Amazzonia” di Sebastiao Salgado, fino al 19 novembre, che ci mostra diversi aspetti della foresta amazzonica che il fotografo conosce molto bene per averla documentata per anni e il Mudec dove, fino al 30 luglio, si possono ammirare le opere dei Surrealisti nella mostra “Dalì, Magritte, Man Ray e il Surrealismo“.

A Venezia, da visitare ci sono la “Biennale Architettura”, fino al 23 novembre, “Everybody Talks abouty the Weather” alla Fondazione Prada fino al 26 novembre, dove viene trattato l’attualissimo tema dei cambiamenti climatici attraverso varie opere e, da vedere assolutamente, “Ugo Mulas. L’ operazione fotografica” , fino al 6 agosto presso le Stanze della Fotografia all’interno della Fondazione Cini. 

A Merano, c’è un’interessantissima e, anche questa, attuale mostra sull’ integrazione degli extracomunitari nelle nostre città e i cambiamenti che ci sono stati: “Vielheit (molteplicità) – Storie della società post-migrante” al Kunst Meran fino al 24 settembre.

Firenze ospita, fra le tante, due mostre diverse fra loro. Una, “Riviste. La cultura in Italia nel primo ‘900” alla Galleria degli Uffizi fino al 17 settembre, con le riviste più famose di quel periodo ricco di fermenti e l’altra, “Lucio Fontana. L’origine du monde” al Museo Novecento fino al 13 settembre, dove ammirare le opere del famoso Maestro.

A Reggio Emilia, alla Collezione Maramotti, fino al 30 luglio, espone per la prima volta in Italia, il fotoreporter Ivor Prickett “No Home from War: Tales of Survival and Loss“. Il fotoreporter, che vive e lavora dal 2009 in Medio Oriente per documentare gli orrori delle guerre civili, è stato anche in Ucraina per testimoniare l’ultimo scempio della guerra. Altra mostra particolare, a Senigallia: “Paolo Ventura racconta la città di Senigallia” a Palazzo del Duca fino al 31 ottobre. L’autore, fotografo e scenografo, studia i paesaggi urbani per poi riutilizzarli per le sue opere.

A Roma, da non perdere, la mostra fotografica di Mario Cresci “Un esorcismo del tempo” al MAXXI fino all’1 ottobre. Il famoso fotografo ripercorre il periodo trascorso in Basilicata dalla metà degli Anni ’60 alla metà degli Anni ’80.

Napoli propone la mostra “Mario Schifano : il nuovo immaginario. 1960-1990“, alle Gallerie d’ Italia fino al 29 ottobre. Imperdibile anche l’esposizione di Mario Merz, a vent’anni dalla scomparsa: “Mario Merz. My Home’s Wind” a Palermo, ZAC CANTIERI Culturali, alla Zisa, fino al 24 settembre. È la prima retrospettiva a lui dedicata.

Anna Violante

Potrebbe interessarti anche questo

Per un sacco di carbone ieri e oggi

Il racconto del disastro di Marcinelle, per conservare la memoria di un frammento d’Italia dimenticato. Il libro, pubblicato da Edizioni San Paolo in versione aggiornata, verrà presentato in occasione della commemorazione dell’8 agosto al Museo Bois du Cazier (Belgio) 8 agosto 1956: nell’aria…

L’ Ulisse che è in noi

Mercoledì 26 giugno a Milano, al Castello Sforzesco, nell’ambito del Festival della Bellezza (itinerante, da maggio a ottobre, in varie città italiane) c’è stata una serata con Alessandro D’ Avenia, presentata da Umberto Ambrosoli. Il tema dell’ incontro è stato…

Intervista a Mattia Manfredonia, autore dark fantasy, sold out all’ultimo SalTO

Appassionato di esoterismo, narrativa e illustrazione, l’autore di Vico Equense (NA), classe 1991, ha immaginato e donato vita al mondo di “Vespria” attraverso parole e disegni. Nel dicembre 2022 esordisce con “Luci Verdi Dall’Inferno”, primo libro della dilogia “Le Notti…

Sardaigne. Introduction historique

Dans le cadre de la journée consacrée à la Sardaigne “Sa die de sa Sardigna“, le professeur Carlo degli Abbati anticipe son introduction historique Fernand Braudel observait “Qu’est-ce que la Méditerranée ? Mille choses à la fois, non pas un…