La squadra che dà il titolo alla nostra pellicola realizzata nel quadro di Esch2022, è raccontata, attraverso un ritratto nostalgico e commovente, da chi la conosce davvero bene…

Nel 1907, a Esch-sur-Alzette,  qualche appassionato di calcio crea una seconda squadra cittadina dopo la Fola. Sono tutti minatori o metallurgici del quartiere Hoehl (spesso citato nel libro Tanti italiani fa…in Lussemburgo, PassaParola Editions 2019, ndr). A dispetto dei colori scelti, il bianco e il nero a strisce verticali alternate, e del nome che significa “gioventù”, finisce qui l’analogia con la Juventus. O forse no, perché entrambe vantano il maggior numero di titoli nazionali e si sono anche scontrate in Coppa dei Campioni nel 1985, ai tempi di Platini. Potrei intrattenervi a lungo con dati e statistiche su questa squadra, ma quelli si trovano su Internet. Quello che è, o meglio era, la Jeunesse non lo dicono i freddi almanacchi. La Jeunesse è figlia di un quartiere operaio; una porta del campo “Op der Grenz” (alla frontiera) sfiorava le prime miniere di ferro, l’altra i primi altiforni. Questo suo primo e ancora attuale terreno fu donato dall’onnipotente società mineraria ARBED presso la quale lavoravano tutti i giocatori, tutti residenti nella Hoehl.

Fino alla fine dagli Anni ’50 abitare nel quartiere era il primo criterio per poterne indossare la maglia. E quella maglia aveva un peso enorme, perché veicolava la sete di riscatto della gente della Hoehl. Era gente abituata a lavorare duro, gente schietta e con pochi fronzoli, gente che nella vita si accontentava perché aveva vinto poco e poco avrebbe vinto. La maglia della Jeunesse concentrava perciò in sé tutta la rabbia e la fame di successo di migliaia di persone che, nel periodo 1920-1970, erano in grande maggioranza immigrati italiani. In quel mezzo secolo erano italiani anche molti giocatori e la Jeunesse è stata “la  squadra italiana del Granducato”, assieme alla ben più modesta Alliance Dudelange. Le avversarie più odiate restano i biancorossi della Fola (fra tifosi, ancora oggi costa una birra a chi ne pronuncia il nome!) e tutte le squadre della capitale, per una questione di classe: sociale e non. Tutte, proprio tutte. “Op der Grenz” era una fucina di emozioni. Qualche rara sconfitta dolorosa e tante vittorie, davanti a una cornice tra 2 000-3 500 spettatori, incluse tutte le famiglie dei giocatori in campo e la fanfara italiana sui tetti delle case. Un muro unito, a lungo troppo compatto per tutti gli avversari lussemburghesi.

Restano nella memoria dei tifosi anche alcune gesta europee della Jeunesse, come le sfide col Real Madrid e la Juve. In Europa la vetta rimane il pareggio casalingo acciuffato allo scadere contro il grande Liverpool nel 1973 (una parte del docufilm è proprio dedicata a questo evento storico, ndr), la gioia di 6 500 spettatori, con successiva striminzita sconfitta in Inghilterra. Coincidenza: era un ex minatore l’allenatore scozzese dei Reds Bill Shankly.  Ma perché uso questo tono acceso e scrivo in prima persona? Semplicemente perché ne ho il diritto! Perché nell’orrenda e calorosa Hoehl ci sono nato, perché quella maglia l’ho vestita pure io da ragazzo. Con i piedi storti che mi ritrovavo, lo ammetto, ma col rabbioso orgoglio proprio degli immigrati italiani del quartiere. Jeu-nesse, Jeu-nesse, Jeu-nesse!

Remo Ceccarelli

Potrebbe interessarti anche questo

Man on the snow: uomo sulla neve.Un viaggio sugli sci da Oslo a Capo Nord

Lunedì 15 dicembre, presso il centro culturale Altrimenti, Giacomo De Stefano ha presentato la sua prossima avventura, Man on the Snow, che intraprenderà a partire da gennaio 2015 per realizzare il primo documentario di una serie atta ad analizzare gli…

La Forza del destino al Grand Théâtre. Resoconto.

Il Grand Théâtre  di Lussemburgo, nell’anno delle celebrazioni verdiane, ha messo in scena La Forza del Destino, con la direzione musicale di Erik Nielsen e le scenografie Henrik Ahr. L’opera che fece il suo debutto nel 1862 a S.Pietroburgo, s’innesta sul…

Un costume da bagno tutto mio!

  PassaParola Magazine e Creattiva presentano i costumi di Giovanna Zampini, giovane creativa italiana che per la prima volta in Lussemburgo, presenta la sua collezione di costumi da bagno fatti a mano e accessori artigianali. Esposizione e vendita: giovedì 12 e…

I consigli di Daniele Introna/5

La giusta motivazione nel fitness Quando si parla di fitness e benessere si pensa sempre a diete, fatica e sacrifici. Ma tutto questo deve essere affrontato nel modo giusto con la motivazione giusta. La locuzione latina mens sana in corpore…