Pandemia, telelavoro, caro-alloggi, contratti precari: connazionali in controesodo

Cari lettori, questa volta siamo andati giù duro! Fedeli alla nostra filosofia di attirare l’attenzione su realtà non sempre rosa e fiori del Granducato, in questo numero affrontiamo questioni spinose che stanno venendo sempre più a galla e nei confronti delle quali non dobbiamo/possiamo più voltarci dall’altra parte. Perché, anche se non ci riguardano da vicino, possono coinvolgere chi ci vive accanto.

Sembra assurdo, ma in Lussemburgo anche chi percepisce uno stipendio sicuro, in realtà non è più al sicuro e lo è sempre meno. Perché il costo della vita, soprattutto degli alloggi, è talmente caro che una fascia sempre più ampia di residenti (non solo stranieri) ha molto meno denaro a disposizione per vivere e, di conseguenza, è sempre più povera.

E forse è anche questo uno dei motivi che nutrono il nuovo fenomeno sociale che abbiamo strillato in copertina?

Sì, perché tanti italiani (complice la pandemia) stanno rientrando in Patria. Si chiama controesodo, ed è un fenomeno che sta coinvolgendo sempre più espatriati. A queste tematiche dedichiamo articoli ampi e dettagliati – che seguono alla conferenza sull’alloggio organizzata da PassaParola asbl e dalla Dante Alighieri Lussemburgo, nell’ambito del progetto Com.It.Es (www.passaparola.info/radioetv) – con lo scopo non solo di informarvi, ma anche proporre strumenti per capire il Paese nel quale abbiamo scelto di vivere. Lussemburgo non è l’Eldorado, o almeno non lo è per molti di noi. E lo sarà sempre meno. Questo non significa però arrendersi al pessimismo, ma imparare a cogliere ogni buona e possibile occasione per esercitare i nostri diritti da italiani all’estero (e iscritti all’Aire).

Come? Votando per il rinnovo del Com.It.Es. (veri comitati elettivi che rappresentano i connazionali all’estero), iscrivendosi alle liste elettorali presso la Cancelleria Consolare entro il 3 novembre e partecipando alle elezioni del prossimo 3 dicembre. Solo partecipando possiamo cambiare le cose. Solo non voltandoci dall’altra parte possiamo aspirare a vivere in una società giusta. E non solo giusta per i ricchi. 

À propos d’élections, vous trouverez dans les pages en français un intéressant article sur les expressions pour désigner les dif-férentes élections en Italie. Bonne lecture!

Maria Grazia Galati e Paola Cairo

Potrebbe interessarti anche questo

Editoriale Maggio 2014: addio Daniele!

ADDIO DANIELE! Ogni tanto, purtroppo, succede di trasformare un editoriale in quel tipo di articolo che, in gergo giornalistico, si chiama “coccodrillo”. Succede anche a noi, in questo mese di maggio, per ricordare un prezioso collaboratore, ma prima ancora un…

Tanti anniversari da festeggiare insieme a noi!

  Un anno davvero da festeggiare questo 2018. Per il nostro Paese prima di tutto, per ciò che esso di più bello fa ed esporta nel mondo intero. A cominciare dalla musica, che vanta uno dei più grandi artisti italiani…

La carta che conta

Chi è italiano madrelingua e chi, sebbene straniero, la conosce bene avrà ben colto il gioco di parole basato su una celebre frase idiomatica italiana: carta canta, che si usa quando si vuole sottolineare che qualcosa che è spiegata bene per…

Wëllkomm zu Lëtzebuerg!

  Oggi, come ieri, come domani. Il Lussemburgo è meta di lavoro e per molti di noi, questo Stato, si è trasformata in residenza stabile.  La popolazione straniera di Lussemburgo cresce (circa il 48 % della popolazione ha un passaporto…