Premio Città di Sanremo alla carriera a Peppino Di Capri, Elisa e Giorgia incantano l’Ariston

La serata delle cover e dei duetti è da sempre la più attesa del Festival di Sanremo, quella in cui i cantanti si lasciano andare, invitando amici, colleghi, compagni di casa discografica e varie personalità per vivere la performance in compagnia.

Nella quarta serata, presentata da Amadeus e Gianni Morandi insieme a Chiara Francini, tornano sul palco dell’Ariston artisti delle recenti edizioni come Emma, Sangiovanni, Noemi, Le Vibrazioni e arrivano nomi internazionali come il violoncellista albanese Iljard Shava e il coro gospel Kingdom Choir. Ci sono nomi di chi non ti aspetteresti mai di vedere (o forse non vorresti vedere) come Carla Bruni e quelli che ti “svoltano” la serata come Bennato e Alex Britti. C’è chi passa idealmente il testimone al proprio futuro, Ramazzotti per Ultimo, uguali ma diversi, chi avvicina le generazioni, Antonacci e Tananai, chi sceglie un brano che racconta il dolore di un uomo, pur essendo bambino, Will e allora quando entra Zarrillo non c’è più confronto. C’è chi nel 2001 trionfava con Luce e chi si doveva accontentare del secondo posto con Di sole, d’azzurro e oggi da amiche incantano la platea, Giorgia ed Elisa. C’è chi prova a sperimentare il proprio repertorio e “fa casino” ma convince, come Grignani e Arisa e chi disvela di nuovo la voce e l’interpretazione di se stessa, Anna Oxa. C’è chi con le barre non ti fa riconoscere la canzone che aspettavi di cantare a squarciagola, Olly, e così la “notte non vola”, chi maltratta il maestro Battiato e non trova il suo “centro di gravità permanente”, Ariete e Sangiovanni, e chi profana De Andrè con l’autotune, Madame con Izi.

Durante la lunghissima serata – cosa dobbiamo aspettarci per la finale? – è stato assegnato il premio Città di Sanremo alla carriera a Peppino Di Capri e, inaspettatamente è salito sul palco anche il tanto evocato maestro Peppe Vessicchio per condurre a quattro mani con il maestro Enrico Melozzi.

Vincitore della serata cover Marco Mengoni con Let it be (da giorni pare sia già tutto scritto in merito alla sua vittoria, pare abbia vinto anche al torneo di calcetto cha ha preferito alla Sala Stampa Lucio Dalla), secondo posto per Ultimo con Ramazzotti, terzo Lazza con Emma, solo quarto posto per Giorgia ed Elisa che a nostro avviso avrebbero meritato la vittoria, quinto Mr Rain con Fasma.

La classifica generale da cui ripartirà la finale è la seguente:

  1. Marco Mengoni
  2. Ultimo
  3. Lazza
  4. Mr. Rain
  5. Giorgia
  6. Tananai
  7. Madame
  8. Rosa Chemical
  9. Elodie
  10. Colapesce e Dimartino
  11. Gianluca Grignani
  12. Coma Cose
  13. Modà
  14. Articolo 31
  15. LDA
  16. Leo Gassmann
  17. Paola e Chiara
  18. Ariete
  19. Mara Sattei
  20. Colla Zio
  21. GIANMARIA
  22. Cugini di Campagna
  23. Levante
  24. Olly
  25. Anna Oxa
  26. Will
  27. Shari
  28. Sethu

Gilda Luzzi

Potrebbe interessarti anche questo

Sanremo 2024: I Santi Francesi si raccontano prima della gara

Il loro brano è L’amore in bocca e, nella serata cover, in duetto con Skin canteranno l’Halleluja In poco più di un anno, la vita di Alessandro De Santis e Mario Francese, in arte i Santi Francesi, è stata completamente…

Sanremo 2024: i pronostici del pubblico e degli scommettitori

Alla vigilia del Festival abbiamo ascoltato rumors e studiato le quotazioni delle scommesse Iniziano i fuochi d’artificio nella città dei Fiori. Fuochi pirotecnici che hanno accolto i tanti turisti in arrivo già da domenica e fuochi simbolici legati alle “chiacchiere…

Sanremo 2024: il “fuori palco” dei locali dei cantanti

Dalla pizzeria di Geolier all’edicola di Dargen D’Amico la nuova tendenza impazza nelle piazze di Sanremo L’anno scorso i pionieri erano stati i Coma Cose che, in sintonia con il loro brano sanremese, avevano preso in affitto un chiosco di…

“Fragili” quando la musica scende dal palco

Il brano del rapper romano diventa il tema di “CIVICO IL TRE” uno spazio unico con incontri e attività ricreative per affrontare le proprie fragilità Il Tre, nome d’arte di Guido Senia, classe 1997, ha scritto un brano dedicato alle…